La radio che sceglie la musica interpretando le espressioni facciali di chi la guarda

“Solo” è una “radio emozionale”.
E’ in grado di percepire l’umore di chi la ascolterà e scegliere per lui la playlist che più si addice.
Sviluppata dall’agenzia creativa britannica Uniform, Solo è stata presentata al Design Festival di Londra.
La radio è inserita in un’elegante struttura in legno che viene appesa alla parete, proprio come fosse uno specchio.
L’apparecchio è dotato della strumentazione necessaria a scattare una fotografia del volto di colui che si avvicina ed analizzarne l’espressione, grazie ad un particolare algoritmo.
Una volta capito l’umore, la radio assumerà la stessa espressione del suo utente e suonerà per lui la musica che meglio gli si abbina.
I brani scelti sono selezionati tra le playlist create appositamente sulla piattaforma Spotify per rappresentare sentimenti come felicità, tristezza o rabbia.
“Solo vuole stimolare un dibattito su come le tecnologie possano essere interpretate oggi e su cosa possano davvero significare per le persone che le utilizzano”, spiega Mike Shorter, capo della sezione creativa di Uniform.
“Quando un utente prova ad usare la nostra radio, non solo capisce che la tecnologia sta cambiando ma, ancora più importante, che è possibile instaurare una relazione sempre diversa con l’oggetto usato”.